Anna Palumbo

Fisarmonica, percussioni, pianoforte

Ha frequentato seminari con Karl Potter, Massimo Carrano, Bruno Genero Rose, Willie Konaté, Rino Becchimanzi, Gil Banana, Paolo Caruso, Sourà e Lancey Diabote, Jean Camarà (percussioni), con Simone Zanchini (fisarmonica) e con Davide Fregni (pianoforte). Dal 2007 suona fisarmonica e cahon in Tango Fatal, formazione di tango al femminile (Ravenna Festival 2007; primo premio al Concorso internazionale di composizione Tango Music Award 2008, Stoccarda). Si esibisce in numerosi festival musicali e prestigiose locations (quali Maison Musique di Torino e La fabbrica del vapore di Milano). Nel 2008 è ospite del Festival Internazionale ”Tango y mas” e del Valceno Arte Festival. Segue un workshop di perfezionamento sull’interpretazione del tango con il Maestro Hector Ulises Passarella (compositore, interprete de “Il postino” di L. Bacalov). Nella stagione 2009/10, si esibisce nei teatri Storchi di Modena, Verdi di Fiorenzuola, Filo di Cremona, Dadà di Castelfranco. Nel maggio 2010 si esibisce in diretta su Rai – Radio 3 nelle trasmissioni “Alza il volume” e “Fahrenheit”, invitate dal critico musicale Valerio Corzani. Ha collaborato con Afroeira (ensemble guidato dal maestro Paolo Caruso), Ritmondo (ensemble di percussioni, lezioni-concerto sul tema dell’interculturalità, viaggio musicale Africa / Cuba / Brasile e ritorno, laboratori), Sambaradan (ensemble di samba e ritmi bahiani, coreografie di Elvio Assunçao). In ambito teatrale, collabora con Circo Tommy (canzone d’autore e teatro all’improvviso), Garigari Stik e Stuk, (teatro di figura – spettacoli per bambini), Koinè – Teatro sostenibile. Nel 2009 collabora con Teatro dei due mondi, con cui ha realizzato le musiche per lo spettacolo “Tutti i grandi sono stati bambini”, prodotto da Ert – Emilia Romagna Teatro (repliche in Italia, Bosnia ed Albania). Nel 2010 entra a far parte della Classica Orchestra Afrobeat, ”Shrine on you: the music of Fela Kuti” (partecipazioni: Afropean Festival di Rovigo, il R.o.f. al Naima club di Forlì).